• Agosto

    6

    2020
  • 1247
  • 0
Piano Scuola 2020-2021: linee guida per la riapertura a settembre

Piano Scuola 2020-2021: linee guida per la riapertura a settembre

Si avvicina la riapertura delle scuole a settembre e tutte le scuole dovranno farlo seguendo le nuove norme e disposizioni.

Vi diamo una sintesi del Piano scuola 2020-2021 (“Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative in tutte le Istituzione del Sistema nazionale d’Istruzione”) con le Linee guida per settembre.

Tutte le attività scolastiche che riprenderanno saranno soggette al rispetto delle indicazioni finalizzate a prevenire il contagio da Covid-19, tutte contenute nel Documento tecnico che è stato elaborato dal Comitato tecnico scientifico (CTS), approvato in data 28 maggio 2020 e che sarà aggiornato in seguito.

Centrale sarà il ruolo delle singole scuole e delle Regioni per affrontare le questioni più delicate quali il trasporto scolastico, l’assistenza agli alunni con disabilità, la reperibilità di ulteriori spazi oltre gli edifici scolastici nel territorio per assicurare il regolare svolgimento delle attività didattiche: “Le Linee guida sono il frutto di un lungo confronto e di una condivisione con gli attori del mondo della scuola, comprese famiglie e studenti, con le Regioni, gli Enti locali, e ci consentono di fare un lavoro che non guarda solo alla riapertura, ma anche al futuro della scuola. Abbiamo le risorse economiche, gli strumenti, possiamo far sì che la ripartenza sia anche volano di innovazione”, ha dichiarato la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, il 26 giugno 2020.

Riapertura

Il 14 settembre si torna a scuola.
Dal primo settembre le scuole riapriranno per favorire il recupero degli apprendimenti delle studentesse e degli studenti che non hanno raggiunto la sufficienza nell’anno scolastico appena concluso.

Sicurezza e igiene

È d’obbligo un piano di pulizia costante nelle scuole, dove ci saranno anche i prodotti igienizzanti utili alla sicurezza di alunni e personale. Proprio per questo sono già stati erogati alle istituzioni scolastiche 331 milioni che potranno essere utilizzati anche per piccoli interventi di manutenzione e fornitura di arredi innovativi.

Distanziamento sociale e spazi in più

Per poter rispettare il distanziamento sociale previsto ai fine della sicurezza degli alunni, la scuola avrà bisogno di più spazi. Da qui la necessità di ridefinire gli spazi interni alle alle scuole, crearne di nuovi e utilizzare anche gli spazi esterni, per una didattica che si possa svolgere anche nei musei, nelle biblioteche, nei teatri, nei parchi.

Laboratori e didattica flessibile

L’invito è di adottare una didattica meno frontale e più laboratoriale, con suddivisione degli alunni in piccoli gruppi anche non in classe, ma in spazi diversi per coniugare la necessità di distanziamento con l’innovazione.
A questo scopo sarà incentivato l’acquisto di nuovi arredi scolastici e supporti che consentono una didattica innovativa e digitale.

Scuola dell’infanzia

Per i minori di 6 anni non è previsto l’uso delle mascherine. Inoltre i dispositivi di protezione degli gli adulti a contatto con i bambini, non devono precluderne il riconoscimento, fondamentale per il ruolo di rassicurazione e fiducia è fondamentale nella sfera cognitiva degli infanti.

Disabilità

Massima priorità sarà data anche agli alunni con disabilità; sono previste infatti misure potenziate di sicurezza per il personale scolastico, soprattutto quando l’alunno disabile è impossibilitato a usare la mascherina per ragioni sanitarie.

Formazione di docenti e ATA

Il personale docente e il personale educativo saranno formati sulla sicurezza legata all’emergenza e sulle nuove tecnologie da adottare per una didattica integrata, in continuità con il lavoro di smart working già fatto.

Refezione scolastica

Per evitare l’affollamento degli ambienti durante il servizio di refezione scolastica, la proposta è di effettuare due o più turni, così da garantire la mensa ma senza venire alla sicurezza.

Per vedere il video della conferenza della Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina clicca qui: https://www.youtube.com/watch?v=xQVCLG-OTzg

Ragione sociale: LudoVico s.r.l – via Emilia Ponente 479, Bologna – P.Iva e C.F. 03624991208 – Capitale sociale euro 10.000,00
tel: 051 4856599 – e-mail: ludovico@ludovico.it
Siamo presenti sul Mercato Elettronico delle P.A. © Copyright 2016 Sito realizzato da Dwb Srl - Consulente SEO